Google+ Badge

giovedì 8 agosto 2013

COME ALLUNGARE I TEMPI

Il Diritto è Indiano?





l’MHA  ha rigettato le tre opzioni che l’Italia aveva offerto per tentare di risolvere in modo ragionevole e soddisfacente (solo per noi) il problema sollevato dagli inquirenti indiani circa l’ottenimento delle testimonianze degli altri quattro Fucilieri non indagati, che si trovavano a bordo della Enrica Lexie con Latorre e Girone. E’ nota la pretesa degli indiani di interrogare nuovamente i 4 fucilieri, nonostante questi abbiano già reso le loro deposizioni all’epoca dei fatti (alle autorità del Kerala) e che siano stati interrogati numerose altre volte nel corso del sequestro della Lexie nel porto di Kochi, durato quasi due mesi ma essendo, le indagini, ripartite da zero quelle dichiarazioni sono state inficiate di qui il legittimo diritto della NIA di riascoltare i quattro testi per la nuova   fase istruttoria. Tra l’altro, essendo il Ministero degli Interni indiano titolare dell'inchiesta (su sentenza della Suprema Corte), non può agire in altro modo se non chiedere il rispetto dell'Affidavit firmato da noi per sbloccare il rilascio della Lexie e quindi evitare un inestricabile ginepraio dell’intera vicenda.
Comunque, nella circostanza l’Italia non ha dimostrato spirito collaborativo per venire incontro alle esigenze degli indiani, proponendo tre alternative: l’invito rivolto ad una delegazione di magistrati e di inquirenti indiani a venire a raccogliere le testimonianze ritenute indispensabili qui in Italia, a Roma; oppure di ricorrere ad un sistema di video-conferenza tra le parti; od ancora, ottenere le dichiarazioni richieste per iscritto con una rogatoria internazionale secondo prassi giuridiche consolidate. Ma, come detto, nessuna di queste tre soluzioni è stata ritenuta soddisfacente da parte degli indiani, che ancora una volta hanno tenuto a sottolineare che “fintanto che non otterrà queste dichiarazioni testimoniali la NIA, National Investigation Agency, non potrà concludere la fase inquirente, rimandandosi così sine die la possibilità di istruire un processo equo e rapido ai due Fucilieri”. In pratica un vero ricatto. La visita in Italia è stata esclusa perché secondo loro non permetterebbe l’applicazione del CrPC (Criminal Procedure Code) peculiare dell’India. La video conferenza non va bene perché filtra l’aspetto emozionale del rapporto diretto e non crea i presupposti per stabilire un feeling tra inquirenti e testi , mentre la rogatoria è stata esclusa perché darebbe luogo a richieste reiterate di approfondimenti e chiarimenti delle fredde affermazioni ricevute per iscritto, che solo con un processo interattivo diretto di domande-risposte si può sperare di potere ottenere.
La più immediata conseguenza di questa ennesima impasse, al di là dei messaggi improntati ad irresponsabile ed infondato ottimismo della Bonino e del suo vice Staffan De Mistura, è che si complica maledettamente in India la posizione dei due Militari italiani trattenuti sotto l’accusa di omicidio di due pescatori indiani. Le indagini che la Corte Suprema indiana aveva affidato alla NIA lo scorso mese di aprile insieme ad un termine perentorio di 60 giorni per condurle a termine sono infatti giunte ad un punto morto. Dapprima c’era stato il pretesto della necessità di riprodurre tutta la documentazione, atti, rilievi della polizia, verbali di deposizioni e di testimonianze, con ciascun atto scritto come capitava in una delle quattro lingue possibili, ovvero malayalam, hindi, italiano ed inglese, in una unica lingua comprensibile a tutti, cioè l’inglese. Questo ha comportato la richiesta della NIA, accettata dalla Corte di New Delhi, di poter sforare il termine dei 60 giorni per la conclusione della fase istruttoria e per la produzione del relativo FIR, First Investigations Report, in assenza del quale non può essere avviata la fase di istruzione del processo con la formulazione esatta dei capi d’accusa, o la dichiarazione del non luogo a procedere, a seconda delle conclusioni raggiunte sulla base degli elementi probatori emersi e presi in considerazione. Queste ulteriori lungaggini accettate supinamente dagli addetti ai lavori appaiono particolarmente gravi alla luce dei nuovi elementi acquisiti di recente e che rafforzano ulteriormente il convincimento dell’estraneità dei Fucilieri ai fatti loro contestati.
Un primo elemento,  riguarda l’ora in cui i Militari hanno sparato colpi di avvertimento in acqua per dissuadere un barchino di pirati, le 16.15 circa, che differisce di oltre 5 ore dall'ora che il comandante del peschereccio aveva indicato come quella dell’aggressione da parti di ignoti, cioè le 21.30 circa, nella quale aveva avuto luogo la sparatoria che ha causato la morte dei due pescatori. Un secondo elemento si è evidenziato nell'attenta rilettura delle dichiarazioni del procuratore generale della Corte Suprema di New Delhi Goolam E. Vanhavati. Questi ammette esplicitamente due cose: la prima era già nota ed è l’ammissione che l’incidente è avvenuto in acque territoriali internazionali, come l’Italia ha sempre sostenuto, ma ciò nonostante la Corte Suprema ancora non si è pronunciata in merito al quesito di competenza giurisdizionale sollevato da parte italiana che, giustamente, rivendica il diritto di rinviare a giudizio i due Fucilieri, se ne ricorrono gli estremi.
La seconda è una questione sfuggita ai più, inclusi tra questi non soltanto i distratti ministri del governo italiano di prima e di adesso, ma pare persino gli avvocati del collegio di difesa dei nostri Militari. Allo stato delle cose, i due Fucilieri sono ufficialmente accusati di “aver sparato contro un peschereccio indiano, causando la morte di due membri di equipaggio scambiati per pirati”. Ora noi ovviamente non siamo per niente esperti di diritto penale indiano, ma questa formulazione del capo d’accusa lascia chiaramente intendere l’attribuzione ai due Fucilieri, posto, ma non concesso che siano stati loro a sparare al St Antony, della volontà non di offendere, ma di difendersi legittimamente da individui ritenuti per il loro atteggiamento sospetto come pericolosi e determinati pirati, non certo degli innocui pescatori. In altri termini, questa accusa dovrebbe tradursi nel riconoscimento della legittima difesa personale, che resta tale anche quando solo fondatamente presunta e non inficiatile neanche nelle circostanze in cui a posteriori si venga a rilevare l’oggettiva inesistenza di una minaccia immediata, grave e reale all’incolumità propria e di altre persone poste sotto la propria tutela. Ovvio che in questo caso ci si aspetti che l’accusa di omicidio venga fatta decadere e che ai Marò venga immediatamente restituita la libertà personale, inclusa quella di rientrare in Italia. L’altra alternativa plausibile è che, proprio a causa dell’aver scambiato i pescatori per pirati, come dato per acquisito dagli stessi inquirenti indiani, l’accusa di omicidio venga derubricata in quella di omicidio colposo, mentre non regge più quella di omicidio volontario che è contraddittoria ed incongruente con l’accertata ignoranza dei Marò che si trattasse di pescatori, perché tutto in quelle circostanze ha concorso a fare ritenere che si trattasse di pirati.
Volendo metterci nei panni del PM, le accuse dovrebbero essere ridimensionate, oscillando tra l’eccesso di legittima difesa e l’omicidio colposo, reati per i quali il periodo di detenzione preventiva, arrivato a 18 mesi, sta ormai abbondantemente superando l’eventuale pena che si può ragionevolmente presumere che possa essere comminata nel caso, che appare assai remoto allo stato dei fatti, di riconosciuta colpevolezza dei Marò. Tra l’altro le famiglie delle vittime sono già state risarcite con 150mila euro ciascuna, per cui hanno rinunciato alla costituzione di parte civile, mentre quella richiesta dallo stato del Kerala è stata ritenuta inammissibile. Per queste ragioni, l’allungamento dei tempi di indagine diviene ogni giorno di più intollerabile ed insopportabile, ancorché assolutamente non giustificato. Eppure sembra che da questo punto di vista la situazione stia letteralmente precipitando. Per risolvere il problema della traduzione in inglese dei documenti, alla NIA era stata concesso lo spostamento dei termini per la produzione del FIR al 1 agosto, ma questa data ci è inesorabilmente scivolata alle spalle senza che nulla di nuovo si sia verificato.

A tale proposito, si deve ricordare che anche gli stessi Latorre e Girone erano stati convocati come testi, e pur potendosi allontanare sulla Lexie già in rotta verso il Corno d’Africa, preferirono essere collaborativi prestandosi a rientrare a Kochi per aiutare la polizia indiana in una azione che era stata definita di contrasto alla pirateria. Sappiamo tutti poi come sia andata a finire in quella sciagurata occasione, con i due disponibili Fucilieri Italiani passati proditoriamente dal banco dei testimoni a quello degli imputati, e di qui direttamente in cella. E'  comprensibile che l’italia si sia rifiutata di “consegnare” anche gli altri 4 Fucilieri, seppure richiesti solo come testimoni, che non rischiano a loro volta di essere accusati e trattenuti in arresto dagli indiani. Ora però non dimentichiamo che se vogliamo veramente che ci sia la conclusione della indagine e dell’istruttoria, un minimo di fiducia dobbiamo concederlo, è pur sempre una eventualità da annoverare nell'ambito dei possibili sviluppi della vicenda.
In conclusione, noi stiamo facendo gli indiani  e loro stanno facendo di peggio. Intanto si astengono da qualsiasi presa di posizione circa il conflitto di giurisdizione che dovrebbero riconoscere all’Italia secondo diritto internazionale, con ciò addirittura impedendo che il caso possa essere affrontato con l’atteggiamento positivo di volerlo risolvere. Poi si inventano ostacoli che non esistono, come quello della traduzione in inglese che ha comportato l’allungamento di due mesi dei tempi concessi per la predisposizione del Rapporto conclusivo sulle indagini.

C’è un nervo scoperto nella politica estera dell’India, l’ambizione più volte manifestata di essere cooptata nel Consiglio di Sicurezza dell’ONU per meglio tutelarsi nei confronti di temibili potenze come la Cina e la Russia, o da nemici giurati come il Pakistan e lo Sri Lanka. E’ di ieri la notizia dell’uccisione di 5 soldati indiani lungo il cosiddetto Loc (Line of control) nel settore Poonch del Kashmir-Jammu della contrastata linea di confine con il Pakistan, morti per le quali l’India nulla può rivendicare se non lamentarsene. L’Italia è tra quelli che ha sempre sostenuto la candidatura dell’India, ora sarebbe giunto il momento di fargliela pesare. Per entrare nel CdS l’India si può scordare il voto della Cina, e forse pure quello della Russia, mentre Francia e Regno Unito non paiono impazienti di dare il loro consenso. L’Italia potrebbe minacciare l’India di schierarle contro non solo i suoi nemici dichiarati, ma tutti i Paesi alleati in ambito europeo e mondiale, Stati Uniti compresi. Di fronte ad una prospettiva del genere, forse, l’India scenderebbe  a più miti propositi e la faccenda dei Fucilieri si risolverebbe più in fretta.

lunedì 5 agosto 2013

IL VERO VOLTO DELLA SINISTRA

Da Almirante a Craxi chi tocca la sinistra muore

Il leader del Msi fu accusato di stragismo, quello del Psi distrutto per aver messo i comunisti nell'angolo. Da 20 anni nel mirino c'è Berlusconi



Vorrei conoscere la segreta legge in base alla quale chi si oppone alla sinistra è sempre un delinquente. Cito tre esempi principali, diversi per stile ed epoca, più altri casi paralleli. Quarant'anni fa il delinquente si chiamava Giorgio Almirante. Aveva ottenuto un gran successo elettorale, riempiva le piazze, spopolava in tv.
Perciò si decise che era un criminale, e dunque andava messo fuori legge col suo partito. Badate bene, il Msi in quella fase era meno fascista di prima, era in doppiopetto, era diventato destra nazionale, apriva a liberali e monarchici, aveva perfino partigiani. Ma allora risorse il fronte antifascista. La stessa criminalizzazione era avvenuta nel '60 quando l'Msi aveva svoltato in senso moderato, appoggiando un governo centrista, presto rovesciato da un'insurrezione violenta di piazza. L'antifascismo veniva sfoderato non quando si sentiva odore di fasci ma quando si sentiva odore di voti e di governo. Su Almirante piovvero stragi e accuse tremende, si creò un cordone sanitario per isolare la destra, la sua stampa e le sue idee, si favorì una scissione. La persecuzione finì quando il Msi tornò piccolo e innocuo. Le accuse di fascismo non risparmiarono neanche due combattenti antifascisti come Sogno e Pacciardi che erano però militanti anticomunisti. La campagna infame si accanì col Quirinale: Leone, eletto con i voti del Msi e senza quelli del Pci, fu massacrato e costretto a dimettersi, con accuse poi rivelatesi infondate.
Vent'anni fa il delinquente si chiamava Bettino Craxi, e la sua associazione a delinquere era non solo il Psi, ma il Caf, che comprendeva Andreotti e Fanfani vituperato anticomunista (poi sostituito da Forlani). Craxi aveva inchiodato il Pci all'opposizione, aveva conquistato la centralità del sistema politico, voleva modernizzare lo Stato. Eliminato.
Parallelamente Cossiga, da quando si emancipò dall'intesa consociativa che lo aveva eletto al Quirinale e cominciò a esternare contro i partiti, fu linciato, minacciato di impeachment, accusato di stragi e delitti. Fino a che Cossiga depose ogni progetto gollista e si limitò a esercitare l'arte del paradosso. Andreotti è un caso contorto ma anche lui diventò un delinquente solo quando smise di presiedere i governi consociativi.
Ora il delinquente si chiama Berlusconi, dopo un ventennio di caccia all'uomo.
Vi risparmio di farvi la storia del berluschicidio, vi esce ormai dalle orecchie. Dirò solo che rispetto agli altri lui ha l'aggravante tripla di essere ricco, di non essere un politico e di avere un grande elettorato. Con lui ci sono altri casi annessi (anche extrapolitici, come Bertolaso e don Verzè). Esempio? Il modello Lombardia di Formigoni&Cl, un sistema di potere analogo a quello delle coop rosse in Emilia, con le stesse ombre, ma con risultati di eccellenza in termini di amministrazione. Massacrato mentre le coop rosse furono risparmiate. Per la sanità la Lombardia fu indagata di pari passo con la Puglia di Vendola, ma con una differenza: la prima funzionava bene, la seconda no. Risultato: la prima fu sfasciata a norma di legge, la seconda no. Anche lì l'aggravante era il largo consenso recidivo a Formigoni.
Cos'hanno in comune i casi citati? Erano antagonisti della sinistra. E poi un'altra peculiarità: da Almirante a Pacciardi e Sogno, da Fanfani a Cossiga, a Craxi e a Berlusconi, volevano una repubblica presidenziale, bestia nera del Partito-Principe. Il mistero resta: come mai tutti coloro che si oppongono alla sinistra sono delinquenti, chi per eversione, chi per golpismo, chi per malaffare? C'è una spiegazione logica, scientifica a questa curiosa coincidenza? Cosa c'era di vero nelle accuse? Almirante era fascista, è vero, ed è pure vero che alcuni neofascisti erano violenti; ma Almirante e il suo partito non c'entravano nulla con stragi, assassini e violenze, di cui furono più vittime che artefici. Craxi navigò alla grande nel sistema delle tangenti, è vero, usò modi illeciti per finanziare la politica, ma la tangente fu inventata storicamente dalla sinistra dc parastatale e i finanziamenti illeciti, prima di Craxi riguardò la Dc, il Psi antecraxi, gli alleati, più i soldi che arrivavano da Mosca al Pci e le tangenti sull'import-export con l'est. Anche Berlusconi non è uno stinco di santo, ma se qualunque grande azienda italiana o qualunque grande partito italiano fosse setacciato, intercettato e perquisito con la stessa meticolosità, avrebbero trovato reati analoghi, anzi delitti peggiori e pure arricchimenti illeciti a spese del denaro pubblico. Appena si è scoperchiato l'affare Monte dei Paschi vedete cosa ne è venuto fuori, suicidi inclusi. Se avessero poi applicato il criterio usato per Berlusconi - il capo è colpevole degli illeciti compiuti nel suo regno - avremmo avuto in galera i due terzi del capitalismo nostrano e della partitocrazia.
A questo punto la conclusione è netta: o avete il coraggio di teorizzare l'iniquità razziale di chiunque si opponga alla sinistra, e dunque il nesso etico e genetico tra antisinistra e criminalità, o c'è qualcosa di turpe nella sistematica criminalizzazione del nemico. Certo, non tutti i giudici che si sono occupati di Berlusconi e dei casi precedenti erano di parte. Alcuni decisamente sì, erano di parte; altri invece erano solo nella parte, ovvero accettate quelle premesse non puoi che avere quelle conseguenze; si crea un meccanismo a cascata, una coazione a ripetere e a non contraddire le sentenze dei colleghi di casta.
Il punto era ridiscutere i presupposti dell'indagine, a partire dall'accanimento selettivo; e poi, a valle, porsi il problema della responsabilità, cioè considerare le conseguenze per l'Italia. I giudici non sono una vil razza dannata, sono nella media degli italiani: l'unica differenza è che solo loro dispongono di un potere assoluto, inconfutabile, irresponsabile. Che non risponde di sé né dei danni pubblici che arreca. La serra in cui fioriscono le sentenze è una Cupola editoriale-giudiziaria-finanziaria, benedetta da alcuni poteri transnazionali. Un allineamento di fatto, non un complotto premeditato; non è una congiura ma una congiuntura. La sinistra politica ne è solo il terminale periferico. 
Non sono affatto innocentista, ma l'esperienza mi conduce a una conclusione: ogni potere ha la sua fogna, in forme e misure diverse; ma alcune vengono portate alla luce e altre no.
Usciamo in fretta dalla seconda repubblica: non quella nata nel '94, ma quella abortita dal '68
.

PARTIGIANI ?

Sinistra lobotomizzata, cerebrolesa, giustizialista, affetta da amnesia ideologica conclamata

MORANINO 247956_4260000392558_84445054_n-300x187Quando la memoria fa difetto ci si può permettere di criticare tutti e tutto, d'altronde cosa ci si può aspettare da un partito che nell'arco di venti anni ha cambiato nome e simbolo numerose volte, come per cercare di nascondere i propri fallimenti e menzogne, e ha causato, più volte, la caduta di governi capaci per poi far credere al popolo che, loro, erano i custodi della verità, dell'onestà e della correttezza politica con fantasiosi teoremi ed ergendosi a paladini di categorie che in altri tempi subivano l'emarginazione generale.
Ai lobotomizzati cerebrolesi giustizialisti travestiti da garantisti, ai sinistronzi affetti da amnesia ideologica conclamata, ai sostenitori del regime illiberale giustizialista, ai cultori dell’odio a prescindere, oltre a dire loro che ormai la misura è colma, voglio ricordare che il loro compagno, partigiano, assassino, comunista, Francesco Moranino,  parlamentare del PCI, fu graziato dal Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat dopo essere stato condannato all’ergastolo per ben 7 omicidi.
Questi i fatti: 5 partigiani “bianchi”: Stazzera, Compasso, Francesconi, Scimone e Santucci, confidarono al compagno, partigiano, assassino, comunista “Gemisto” di voler raggiungere in Svizzera gli Alleati per costituire un gruppo partigiano autonomo, svincolato dai comunisti. Il compagno, partigiano, assassino, comunista, “Gemisto”, volle considerare questo intendimento come un tradimento.
Il compagno, partigiano, assassino, comunista, Francesco Moranino,  parlamentare del PCI, radunò una banda di di criminali antifascisti come lui, che in località Portula, uccisero tutti e cinque i partigiani “bianchi” e non contenti, con la vigliacceria nel proprio dna, massacrarono anche due delle loro mogli.
Ovviamente, il loro compagno, partigiano, assassino, comunista, Francesco Moranino,  parlamentare del PCI in forza della codardia che li contraddistingue, protetto dal Pci di Togliatti, fuggì prima del processo e della condanna in Cecoslovacchia (paese comunista loro amico).
Nel 1953 il Pci ebbe il coraggio di rieleggerlo deputato e lui ebbe l’arroganza, l’oltraggio di tornare in Italia.
Un anno e n giorno prima che io nascessi, il 27 gennaio del 55 la Camera dei Deputati per la prima volta nella storia della Repubblica, su richiesta della Procura di Torino votò l’autorizzazione all’arresto.
Il codardo, compagno, partigiano, assassino, comunista, Francesco Morarino,  parlamentare del PCI da buon codardo per evitare il carcere scappò di nuovo nel paese comunista amico, la Cecoslovacchia.
Il 22 aprile 1956 (non avevo neanche 3 mesi), a Firenze si svolse il processo in contumacia che lo condannò all’ergastolo per ben 7 omicidi.
Non è dato sapere come e perché, il Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat lo graziò e lui il 27 Aprile 1965 felice e contento, come nulla fosse tornò in Italia.
Nella foto: Il graziato, compagno, partigiano, assassino, pluriomicida, comunista, Francesco Moranino, parlamentare del PCI.